Impara l’arte e NON metterla da Parte!

, ,

A partire da sabato 19 novembre 2022, dalle ore 16.00 alle ore 17.30, riprendono le attività ludico/artistiche dedicate ai più piccoli presso la Galleria d’Arte Moderna Ricci Oddi (via San Siro, 13, Piacenza) con l’obiettivo di avvicinare i bambini alla collezione del museo, sviluppando nei giovani partecipanti spirito di osservazione, curiosità e capacità manuali.

Primo appuntamento

  • Sabato 19 novembre 2022, dalle 16.00 alle 17.30 “Tanto di cappello!”

Quanti cappelli in testa ai grandi e ai piccini nei quadri della Galleria! E allora lasciati ispirare e crea il tuo copricapo personale, unico e inimitabile: proprio come te!
Appuntamenti successivi

  • Sabato 3 dicembre 2022, dalle 16.00 alle 17.30 “Si fa presto a dire rosso!”
  • Sabato 21 gennaio 2023, dalle 16.00 alle 17.30 “Ombre, luci, silhouette”
  • Sabato 18 febbraio 2023, dalle 16.00 alle 17.30 “Pittura, ma non solo: un mosaico, tante piccole tessere”
  • Sabato 11 marzo 2023, dalle 16.00 alle 17.30 “Scopri l’arte nel giardino”

 

Modalità di partecipazione

Costo: 3 euro a partecipante.

Per partecipare: Prenotazione obbligatoria esclusivamente tramite mail al seguente indirizzo: didattica@riccioddi.it indicando nome, cognome ed età del/dei partecipante/i.
Le prenotazioni sono aperte a partire dal lunedì precedente l’attività e sono accettate in ordine di arrivo, fino ad esaurimento posti.

Posti disponibili: massimo 20 partecipanti a ogni laboratorio.

Età consigliata: dai 5 ai 10 anni.

Info: Elisabetta Nicoli – tel: 3382620675.

I genitori e/o gli accompagnatori dei partecipanti – qualora lo desiderassero – potranno visitare liberamente la Galleria durante l’attività, usufruendo del biglietto ridotto a 5 euro.

Iniziativa resa possibile grazie al sostegno della Banca di Piacenza.

Percorsi in Galleria con la Direttrice

, ,

Per tutto il mese di novembre nelle giornate di sabato la Galleria d’Arte Moderna Ricci Oddi torna a proporre quattro percorsi accompagnati dalla direttrice Lucia Pini.

A fare da filo conduttore agli incontri sono di volta in volta differenti suggestioni tematiche, seguendo le quali il percorso si snoda concentrandosi su un nucleo circoscritto di opere.

Ogni visita diventa così un’occasione di incontro ravvicinato con alcuni dei dipinti e delle sculture che compongono il ricchissimo patrimonio della Galleria.

 

Questo il calendario degli appuntamenti:

 

Sabato 5 novembre, ore 15,30

Paesaggi d’Italia: viaggio pittorico attraverso la Penisola

 

Sabato 12 novembre, ore 15,30

Suggestioni esotiche e Oriente nelle opere della Galleria Ricci Oddi

 

Sabato 19 novembre, ore 15,30

Volti e personaggi: un itinerario da Hayez a Campigli

 

Sabato 26 novembre, ore 15,30

Tra Simbolo e visione nei dipinti della Galleria Ricci Oddi

I posti per la visita guidata di sabato 26/11 sono al momento tutti esauriti.
Se desiderate essere inseriti nella lista di attesa, vi invitiamo a lasciarci un vostro recapito telefonico scrivendo a prenotazioni@riccioddi.it

 

Prenotazioni attive a partire da mercoledì 2 novembre, scrivendo una mail all’indirizzo prenotazioni@riccioddi.it  Indicare – nella mail – un nominativo, numero di partecipanti e per quale/i data/e.

Il numero di partecipanti per ogni visita è limitato a 25 persone.

Durata della visita: 1 ora circa.

 

Prezzi, comprendenti la visita guidata:

9 Euro (non si applicano riduzioni)

5 Euro: per chi ha meno di 18 anni.

Sopralluogo a tutela delle statue in cera

,

La tutela delle opere d’arte della Galleria d’Arte Moderna Ricci Oddi è costante:
in foto la recente verifica dello stato di conservazione delle statue in cera della collezione permanente, ad opera delle specialiste Chiara Fornari e Laura Speranza, dell’ Opificio delle Pietre Dure di Firenze, sotto la supervisione della Direttrice della Galleria piacentina, Lucia Pini, con la costante collaborazione del restauratore Giuseppe de Paolis e del responsabile della sicurezza Leonardo Caronia.

Si ricomincia… con le attività didattiche rivolte alle scuole!

,

La Galleria d’Arte Moderna Ricci Oddi organizza da anni attività didattiche, finalizzate ad un approccio consapevole e sistematico all’opera d’arte e alla formazione di una coscienza storica del patrimonio culturale.
Le iniziative sono rivolte alla scuola dell’infanzia, alla scuola primaria, alla scuola secondaria di primo e secondo grado.

Per maggiori informazioni, contatti, programma completo 2022-2023 e modulistica: https://riccioddi.it/laboratori-didattici/

T-shirt di Klimt: obiettivo solidarietà raggiunto

, ,
Obiettivo di solidarietà centrato!
Il commerciante Walter Bulla con Australian e Libertà sono riusciti a raccogliere, grazie alla vendita delle magliette effigianti la signora di Klimt, ben 20.000 euro da donare agli hospice cittadini.
Soddisfazione dunque da parte della #galleriariccioddi per la bellissima risposta da parte dei tantissimi visitatori della mostra #klimtpiacenza

#InstaGROm

, ,

Che cosa è InstaGROm?

GRO sta per Galleria Ricci Oddi, qui stratta tra il rimando al linguaggio veloce dei social e la “m” di movies.

L’avvio del progetto vede infatti la nascita di 15 videoclip della durata di poco più di un minuto dedicati ad alcune delle opere più rappresentative della Galleria d’Arte Moderna Ricci Oddi.

Destinati alla diffusione online (Canale Youtube @galleriariccioddi) e alla condivisione sui canali social, i video sono prodotti in versione italiana e inglese e saranno consultabili anche durante la visita in Galleria, inquadrando un QR code collocato in prossimità dell’opera.

 

A cura di Roberto Dassoni e Laura Bonfanti. 

Sponsor: Comune di Piacenza e Caffè Musetti.

Il mezzo busto di Giuseppe Ricci Oddi torna nella sua collocazione espositiva originaria

,

Il mezzo busto in bronzo di Giuseppe Ricci Oddi, opera dell’artista piacentino Luciano Richetti, commissionato dopo la morte del donatore e realizzato nel 1938, è tornato nella sua collocazione espositiva originaria: all’interno della nicchia antracite dell’imponente Salone d’Onore della Galleria, restaurato negli ultimi anni.

La scultura, dal forte carattere iconico in relazione alla collezione piacentina, è caratterizzata da “modellazione mossa, morbida, pastosa; plasticismo e pittoricismo si amalgamano facilmente in un compromesso che non è frutto di sforzo ma di istintiva adesione al soggetto, al di là di ogni formula, senza altra preoccupazione che di cogliere un’istantanea di carattere in cui si riveli la personalità del soggetto” (Ferdinando Arisi, 1988).

In foto: il custode responsabile, Leonardo Caronia, protagonista delle ultime fasi di riposizionamento della statua. A supervisionare le operazioni di spostamento: la direttrice Lucia Pini affiancata dal restauratore incaricato, Giuseppe De Paolis.