“… Tu saprai che qui si balla ed il tempo volerà”

, , ,

Inaugura venerdì 26 maggio, alle ore 17.30, e rimane aperta fino all’8 luglio, la mostra fotografica, intitolata “… Tu saprai che qui si balla ed il tempo volerà” che ha lo scopo di illustrare la storia del Circolo della Galleria: un’iniziativa ricreativa e culturale che ha animato le sere della Piacenza del Secondo dopoguerra, tra il 1945 ed il 1962. Qui, nei locali e nel giardino della Galleria Ricci Oddi, si sono esibiti grandi nomi della cultura del tempo, tra cui una giovanissima Mina, il grande pianista Arturo Benedetti Michelangeli, il premio Nobel Salvatore Quasimodo.

Gli organizzatori della mostra, gli Amici del Liceo Respighi, ringraziano la Galleria Ricci Oddi per l’ospitalità offerta, il Comune di Piacenza, che ha patrocinato l’iniziativa, gli sponsor Banca Reale e Fondazione di Piacenza e Vigevano. L’aperitivo dell’inaugurazione è offerto dalla azienda agricola Uccellaia e dall’azienda casearia Serafini.

Convegno: “Giulio Ulisse Arata architetto del Novecento”

, ,

Lunedì 22 maggio, dalle ore 9.00 alle 18.00, avrà luogo il convegno “Giulio Ulisse Arata architetto del Novecento tra eresia della modernità e cultura del contesto. Il progetto per la Galleria d’Arte Moderna Ricci Oddi” in Galleria Ricci Oddi.

Scarica qui il programma.

“La Galleria Borghese. Storia e futuro” in Ricci Oddi

, ,

La Galleria Borghese. Storia e futuro
conferenza di Francesca Cappelletti, Direttrice della Galleria Borghese
martedì 16 maggio, ore 18:00

È il tema del collezionismo il filo rosso che martedì 16 maggio legherà la Galleria d’Arte Moderna Ricci Oddi a uno
dei Musei più importanti e famosi d’Italia, la Galleria Borghese di Roma. La sua direttrice Francesca Cappelletti
sarà infatti la prestigiosa relatrice di un incontro dal titolo La Galleria Borghese. Storia e futuro, che si terrà alle
ore 18:00 presso la Galleria piacentina.

Edificata a partire dal 1606, la Galleria Borghese conserva gran parte della collezione d’arte iniziata per volere del
cardinale Scipione Borghese, nipote di papa Paolo V. La collezione custodisce, tra gli altri, capolavori di autori
quali Antonello da Messina, Raffaello, Tiziano oltre a uno strepitoso nucleo di sculture di Gian Lorenzo Bernini e di
opere del Caravaggio. Dopo l’acquisizione da parte dello Stato nel 1902, la Galleria Borghese diviene museo: il
ricchissimo patrimonio storico artistico raccolto nell’arco di oltre due secoli da una delle più importanti famiglie
patrizie della penisola diviene così bene di pubblico godimento.

L’intervento della direttrice Francesca Cappelletti inquadrerà brevemente la figura del collezionista Scipione
Borghese e passerà in rassegna le tappe salienti della storia della Galleria per approdare infine alla
contemporaneità e alle sfide che essa pone, tra rispetto dell’identità dell’istituzione, esigenze conservative,
divulgazione e nuovi linguaggi.

Questo appuntamento mira anche ad allacciare relazioni con importanti realtà culturali del Paese e stabilire nessi
all’insegna del confronto su temi forti del dibattito culturale e della Storia dell’arte. Con l’occasione, porterà il suo
saluto il Sindaco di Piacenza Katia Tarasconi e introdurrà l’incontro Jacopo Veneziani, Presidente della Galleria
d’Arte Moderna Ricci Oddi.

Francesca Cappelletti consegue la laurea in storia dell’arte e il dottorato presso l’Università “La Sapienza” di Roma
e prosegue quindi gli studi presso il Warburg Institute di Londra e il Collège de France di Parigi, dedicandosi in
particolare allo studio del collezionismo italiano dal Rinascimento al XIX secolo, con un particolare interesse al
periodo barocco. Tra i suoi risultati scientifici, si ricorda nel 1996 la ricostruzione della formazione e dell’assetto
della Galleria Doria Pamphilj di Roma, sulla base di ricerche d’archivio utilizzate per il riallestimento della raccolta.
Dal 2009 collabora con il GRI (Getty Research Institute) di Los Angeles a due progetti sulla storia del collezionismo
italiano, il Digital Mellini e il Display of Art in Roman Palaces. È inoltre professoressa ordinaria di discipline storico
artistiche presso l’Università di Ferrara. Nel 2014 è stata vice Presidente del Consiglio Superiore dei Beni Culturali
presso il MiBACT, mentre nel 2015, ha fatto parte della commissione istituita dal Presidente della
Repubblica Sergio Mattarella per l’apertura al pubblico del palazzo del Quirinale. Dal 2020 siede alla direzione
della Galleria Borghese di Roma.

Ingresso libero sino ad esaurimento posti.
Per informazioni info@riccioddi.it – www.riccioddi.it – tel. 0523 320742

Notte dei musei e notte della fotografia 2023 in Ricci Oddi

, ,

Anche la Galleria Ricci Oddi aderisce alla Notte Europea dei Musei, sabato 13 maggio 2023:

con uno speciale ingresso ridotto, pari a 3 €, il museo rimane eccezionalmente aperto dalle ore 20.00 alle ore 23.00.

Oltre alla ricchissima raccolta permanente, in mostra anche il nuovo “Ospite in Galleria”: Bambini colti nel sonno di Telemaco Signorini.

Il chiostro ed il giardino della Galleria, con l’annesso Giardino della Memoria rimarranno anch’essi aperti, dalle 21.00 alle 24.00, in occasione della concomitante Notte della fotografia 2023.

 

Presentazione del restauro del Carnovali

, ,

Presentazione del restauro del dipinto di Giovanni Carnovali Ritratto del dottor Giovanni Anselmi.

Venerdì 5 maggio, ore 17:00, Galleria d’Arte Moderna Ricci Oddi.

*

Porterà il suo saluto Christian Fiazza, assessore alla Cultura, Turismo, Marketing territoriale del Comune di Piacenza.

*

Interverranno:

Lucia Pini, direttrice della Galleria d’Arte Moderna Ricci Oddi;

Anna Coccioli Mastroviti, funzionario della Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per le provincie di Parma e Piacenza;

Giuseppe De Paolis, restauratore e autore dell’intervento.

*

Il restauro è stato reso possibile grazie alla raccolta fondi promossa dalla signora Maria Paola Ricci Oddi ed è dedicato alla memoria del figlio Nicola Pagani.

 

Ingresso libero fino ad esaurimento posti disponibili.

Nuovo… ospite in Galleria!

, ,

In prestito: Bambini colti nel sonno di Telemaco Signorini, dal 21 aprile 2023 al 13 giugno 2023.

Concluso il dialogo tra il grande bronzo di Ettore Ximenes Equilibrio e la tela di Mancini Saltimbanchi suonatori, un nuovo ospite arriva alla Galleria d’Arte Moderna Ricci Oddi, dove sarà esposto a partire da venerdì 21 aprile. Prosegue così l’iniziativa a cura della direttrice Lucia Pini volta a movimentare la vita della Galleria d’Arte Moderna Ricci Oddi tramite prestiti in dialogo con la collezione.

A rendere possibile questa operazione sono anche i rapporti con musei, gallerie d’arte e collezionisti intessuti in occasione di prestiti di opere della raccolta Ricci Oddi ad esposizioni temporanee, all’insegna di scambi e collaborazioni in cui sono parimenti coinvolte istituzioni pubbliche e realtà private.

E da un’importante raccolta privata arriva il bellissimo dipinto di Telemaco Signorini Bambini colti nel sonno (1896). Il quadro vanta una provenienza prestigiosa poiché, prima di approdare all’ubicazione attuale, faceva parte – insieme a capolavori di autori quali Picasso, Degas, Manet, Casorati, Modigliani – della collezione d’arte moderna dell’imprenditore torinese Riccardo Gualino.

L’opera dialoga idealmente con gli altri dipinti del medesimo autore presenti nella raccolta Ricci Oddi, dove figura un altro quadro di Telemaco Signorini evocativo dei suoi soggiorni parigini, la piccola tavoletta Place Pigalle appartenente a collezione privata in comodato presso la Galleria dal 2009.

 

Nuovo… ospite in Galleria!
21 aprile 2023 – 13 giugno 2023
Galleria d’Arte Moderna Ricci Oddi, via San Siro 13 – Piacenza
Orari:
dal martedì al giovedì: 9:30 – 13:00
dal venerdì a domenica: 9:30 – 13:00; 15:30 – 18:00
Chiusure: ogni lunedì.
Ingresso alla Galleria: intero 9 €; ridotto 5 €
Informazioni: info@riccioddi.it – tel. 0523 320742 – www.riccioddi.it

Due nuove tipologie di ingresso per ReteMuseiPiacenza

, ,
La ReteMuseiPiacenza si riattiva e mette a disposizione dei visitatori due nuove tipologie di biglietto per accedere ai musei della città.
“Un anno al Museo”: l’abbonamento annuale dà la possibilità di accedere senza limiti ai Musei aderenti, nei rispettivi giorni e orari di apertura. La tariffa unica è di 50,00 €.
“Tre giorni al Museo”: la card turistica dà la possibilità di accedere una volta nell’arco di 72 ore ai Musei aderenti, nei rispetti giorni e orari di apertura. La tariffa intera è di 35,00 €. La tariffa ridotta (valida per giovani tra i 6 e i 26 anni e over 65 anni) è di 20,00 €.
La card da 72 ore e l’abbonamento annuale saranno in distribuzione, oltre che presso la biglietteria della Galleria d’Arte Moderna Ricci Oddi, anche presso i Musei civici di Palazzo Farnese, il Museo di Storia Naturale, lo IAT, il museo Kronos, la Galleria Alberoni e il Piccolo Museo della Poesia.
L’abbonamento annuale, fino alla fine di gennaio 2023, sarà in distribuzione anche presso le seguenti librerie Romagnosi, Postumia, Coop, Fahrenheit 451, Pagine e Saphira (a Grazzano Visconti).

Jacopo Veneziani è il nuovo Presidente

, ,

Jacopo Veneziani è ufficialmente il nuovo Presidente della Galleria d’Arte moderna Ricci Oddi.

Entrano nel CdA del museo anche la Prof.ssa Valeria Poli e l’Avv. Gottardo Pallastrelli di Celleri.

#InstaGROm

, ,

Che cosa è InstaGROm?

GRO sta per Galleria Ricci Oddi, qui stratta tra il rimando al linguaggio veloce dei social e la “m” di movies.

L’avvio del progetto vede infatti la nascita di 15 videoclip della durata di poco più di un minuto dedicati ad alcune delle opere più rappresentative della Galleria d’Arte Moderna Ricci Oddi.

Destinati alla diffusione online (Canale Youtube @galleriariccioddi) e alla condivisione sui canali social, i video sono prodotti in versione italiana e inglese e saranno consultabili anche durante la visita in Galleria, inquadrando un QR code collocato in prossimità dell’opera.

 

A cura di Roberto Dassoni e Laura Bonfanti. 

Sponsor: Comune di Piacenza e Caffè Musetti.