La sezione “Spazi di monocromia” in Ricci Oddi

,

L’ultima sezione della mostra La rivoluzione siamo noi. Collezionismo italiano contemporaneo (https://www.xnlpiacenza.it/) – denominata SPAZI DI MONOCROMIA – si sviluppa attraverso una fondamentale serie di lavori sulla monocromia, proposti nella sede della Galleria d’Arte Moderna Ricci Oddi (via San Siro 13, Piacenza).

Intorno a uno dei temi maggiormente indagati del ‘900, si crea una dialettica con la raccolta permanente realizzata dal collezionista piacentino con particolare riferimento alle sculture di Medardo Rosso.

La ricerca passa attraverso le opere di Piero Manzoni, Enrico Castellani, Mario Schifano, Fabio Mauri, Gregor Schneider ed Ettore Spalletti a cui si aggiungono le digressioni di Wolfgang Laib, Domenico Bianchi, Marco Bagnoli e Remo Salvadori. Una monocromia che diventa sfida per gli artisti dell’ultima generazione con i lavori illusionistici, tra bidimensionalità e tridimensionalità, di Wyatt Kahn, l’installazione di manifesti rovesciati proposta da Stefano Arienti, i granelli di smog che creano una superficie uniforme ne Le ceneri di Milano di Luca Vitone a cui si aggiunge Pietro Roccasalva con un neon che si estende nello spazio per quasi sette metri in omaggio a Lucio Fontana. La componente classica dell’indagine emerge, poi, dalla scultura in marmo nero di Carrara dell’artista americano Barry X Ball e dalla fotografia di Mimmo Jodice che ripropone la memoria del passato attraverso il frammento di una testa ritrovata a Ercolano.

Sul marmo bianco di Alberto Garutti, poi, compare la scritta “tutti i passi che ho fatto nella mia vita mi hanno portato qui, ora” che potrebbe essere considerato come un messaggio rivolto ai collezionisti.

Dal martedì alla domenica, dalle ore 10.00 alle ore 19.00. Fino al 24 maggio 2020. La mostra inizia nella sede di XNL Piacenza Contemporanea (via Santa Franca 36, Piacenza).