Il Klimt: autentico

,

Autentica: La tela ritrovata il 10 dicembre scorso nella nicchia del muro esterno della Galleria d’arte Ricci Oddi di Piacenza è del Klimt ed è quella trafugata il 22 febbraio 1997.
Ne sono certi gli esperti nominati dalla procura per determinarne l’autenticità.
La conferma è arrivata nella conferenza stampa di venerdì 17 gennaio, convocata nella sede della Banca d’Italia di via Mandelli (Piacenza), alla quale hanno partecipato i sostituto procuratori Ornella Chicca e Antonio Colonna.

Aperto un passaggio tra la Ricci Oddi e Palazzo XNL

,

E’ stato aperto un passaggio che unirà il restaurato edificio dell’ex Enel (ora noto come XNL) di via Santa Franca con gli adiacenti locali della Galleria d’Arte Moderna Ricci Oddi di via San Siro.
Una breccia, questa, che consentirà alle due istituzioni museali piacentine di organizzare esposizioni e iniziative culturali comuni, già a partire dal 2020.

In foto la stretta di mano simbolica tra il Presidente della Galleria d’Arte Moderna Ricci Oddi, Massimo Ferrari, e il Presidente della Fondazione di Piacenza e Vigevano, Massimo Toscani.

“Vaso di fiori” di De Pisis in mostra al Museo del Novecento

,

Il bellissimo Vaso di fiori di Filippo De Pisis della Galleria d’Arte Moderna Ricci Oddi è attualmente esposto a Milano nella bellissima mostra dedicata a De Pisis allestita al piano terra del Museo del Novecento.
Il Museo dedica infatti un’ampia retrospettiva all’artista ferrarese, una figura di grande rilievo del Novecento italiano e uno dei protagonisti dell’esperienza pittorica tra le due guerre: tra vedute urbane, nature morte e fantasie marine, oltre novanta dipinti tra i più “lirici” della sua produzione sono in esposizione a Milano fino al 1 marzo 2020.

La mostra, promossa e prodotta da Comune di Milano | Cultura e dalla casa editrice Electa con il sostegno dell’Associazione per Filippo de Pisis, è a cura di Pier Giovanni Castagnoli con Danka Giacon – conservatrice del Museo del Novecento.

Avvenuto il ripristino del verde della Ricci Oddi

,

Sono terminati i lavori di sistemazione del verde nel giardino della Galleria d’Arte Moderna Ricci Oddi.
Si è trattato di una regolamentazione dei rampicanti che abbelliscono le pareti esterne dell’edificio e della potatura dei grandi alberi presenti.
Il giardino ora si presenta nella sua rinnovata bellezza con punti di forte interesse come il Portale d’Onore, originario accesso all’edificio, l’elegante chiostro con il melograno al centro o le numerose statue visibili lungo il percorso.
E’ proprio durante la fase iniziale di questi lavori sul verde che è avvenuto il celebre ritrovamento del 10 dicembre.

Esposto in Galleria “Venezia in grigio” in occasione della mostra su Bertucci a Palazzo Galli

,

In occasione dell’inaugurazione della mostra “Giacomo Bertucci, tra Ghittoni e De Pisis”, allestita a Palazzo Galli (Piacenza), è esposto in Galleria d’Arte Moderna Ricci Oddi il bellissimo dipinto “Venezia in grigio” di Giacomo Bertucci.

E’ infatti proprio il pittore Giacomo Bertucci il protagonista quest’anno della mostra natalizia della Banca di Piacenza, in programma a Palazzo Galli dal 15 dicembre al 19 gennaio.

La mostra di quest’anno è stata presentata dal presidente del CdA della Banca Giuseppe Nenna (“Bertucci è un pittore molto amato a Piacenza, allievo di Ghittoni; con questa iniziativa la Banca prosegue nell’opera di valorizzazione degli artisti piacentini che meritano di essere valorizzati”), dalla curatrice della mostra Valeria Poli (“Siamo in presenza di un pittore fedele alle tradizioni dei suoi punti di riferimento, Ghittoni e Carpi, con aperture verso de Pisis, che aveva avuto legami con Piacenza attraverso la famiglia Pallastrelli”), da Laura Bonfanti – Vice Presidente della Galleria d’Arte Moderna Ricci Oddi – che ha ricordato le principali opere dell’artista, e da Carlo Ponzini, responsabile dell’allestimento e della grafica (“Definisco Bertucci il pittore delle geometrie, che utilizza i colori tipici della Pianura Padana. Nell’allestimento ho cercato di valorizzare il rapporto costruito dall’artista con il territorio; un legame forte, come quello che, con il territorio, ha la Banca”).

Gustav Klimt – “Ritratto di Signora” (aggiornamenti)

,

Per far fronte alle numerose richieste che ogni giorno giungono in Galleria a seguito del ritrovamento avvenuto in data 10 dicembre 2019 è stata predisposta una sezione del nostro sito (http://riccioddi.it/ritratto-di-signora-di-gustav-klimt/) nella quale verranno inserite le informazioni ufficiali che possano aiutare a comprendere le vicende riferite al quadro di Gustav Klimt – Ritratto di Signora (1916-1917), in merito alle notizie sull’opera acquistata da Giuseppe Ricci Oddi nel 1925, alla scoperta del doppio ritratto avvenuta nel 1996, al furto del 1997 e ancora alle indagini che proseguono da ormai più di 20 anni.

E’ interesse e volontà del CdA della Galleria Ricci Oddi, rispettare le necessità giudiziarie che chiedono il massimo riserbo sulle indagini in corso rivolte in questo momento sia alla effettiva verifica della autenticità dell’opera che tutti auspichiamo sia ai dovuti approfondimenti in merito al furto.

La Confraternita dei Grass regala un restauro alla Ricci Oddi

,

Per i suoi 20 anni la Confraternita dei GRASS (sodalizio di amanti della buona tavola) ha donato il restauro di un dipinto alla Galleria d’Arte Moderna Ricci Oddi: si tratta de “La Servetta” di Antonio Mancini.

Cosi facendo hanno lasciato un segno tangibile del loro ventennale a tutta la comunità.

Era infatti il 1999 quando nasceva il sito internet di recensioni dei ristoranti del Piacentino curato dalla Confraternita dei Grass, che dal 2013 pubblica anche una guida cartacea.

In foto: il restauratore incaricato dalla Galleria d’Arte Moderna Ricci Oddi, Giuseppe De Paolis, spiega i tecnicismi del suo intervento sull’opera al gruppo.

“Facciamo Arte Insieme” 2019-2020: tutti gli appuntamenti

,

Torna “Facciamo Arte Insieme”: l’attività ludico-creativa rivolta ai bambini dai 5 ai 10 anni alla scoperta della Galleria d’Arte Moderna Ricci Oddi di Piacenza, con l’obiettivo di avvicinare i più piccoli alla collezione del nostro Museo.

Quando?

  • Domenica 13 ottobre 2019: “I quadri raccontano”
  • Domenica 17 novembre 2019: “I quadri raccontano”
  • Domenica 15 dicembre 2019: “Il pomeriggio dei quadri viventi”
  • Domenica 19 gennaio 2020: “Il pomeriggio dei quadri viventi”
  • Domenica 16 febbraio 2020: “Tutte le sfumature del blu”
  • Domenica 15 marzo 2020: “Tutte le sfumature del blu”

sempre dalle ore 16.00 alle ore 17.30, presso la Galleria d’Arte Moderna Ricci Oddi (via San Siro, 13, Piacenza).

Modalità di partecipazione:

– Ad ogni laboratorio sono ammessi massimo 25 partecipanti;
– L’iscrizione avviene ESCLUSIVAMENTE via email all’indirizzo: didattica@riccioddi.it (A PARTIRE DALLE ORE 8.00 DEL LUNEDÌ PRECEDENTE l’attività);
– Ogni domanda di iscrizione può contenere al massimo 3 nominativi;
– La domanda di iscrizione deve contenere nome, cognome ed età del/dei partecipante/i;
– Le prenotazioni sono accettate in ordine di arrivo fino a esaurimento posti.

Per maggiori info: tel: 3382620675

Si ricomincia… con le attività didattiche rivolte alle scuole

,

La Galleria d’Arte Moderna Ricci Oddi organizza da anni attività didattiche, finalizzate ad un approccio consapevole e sistematico all’opera d’arte e alla formazione di una coscienza storica del patrimonio culturale.
Le iniziative sono rivolte alla scuola dell’infanzia, alla scuola primaria, alla scuola secondaria di primo e secondo grado.
Inoltre è stata predisposta un’attività ad hoc per i ragazzi con disabilità.

Per maggiori informazioni, contatti, programma completo 2019-2020 e modulistica: http://riccioddi.it/laboratori-didattici/

Il Salone d’Onore torna all’antico splendore

,

Così l’aveva pensato l’architetto Giulio Ulisse Arata e alla sua origine ha fatto ritorno: il Salone d’Onore della Galleria Ricci Oddi si riappropria della sua identità.

Grazie ad un contributo del Rotary Club Piacenza, l’ampio spazio, che anticipa l’esposizione museale, è stato liberato da tre grosse pareti provvisorie, utilizzate per allestimenti temporanei, rimaste in loco per oltre 10 anni.

 

(foto storica: Studio Croce)