Esposto in Galleria “Venezia in grigio” in occasione della mostra su Bertucci a Palazzo Galli

In occasione dell’inaugurazione della mostra “Giacomo Bertucci, tra Ghittoni e De Pisis”, allestita a Palazzo Galli (Piacenza), è esposto in Galleria d’Arte Moderna Ricci Oddi il bellissimo dipinto “Venezia in grigio” di Giacomo Bertucci.

E’ infatti proprio il pittore Giacomo Bertucci il protagonista quest’anno della mostra natalizia della Banca di Piacenza, in programma a Palazzo Galli dal 15 dicembre al 19 gennaio.

La mostra di quest’anno è stata presentata dal presidente del CdA della Banca Giuseppe Nenna (“Bertucci è un pittore molto amato a Piacenza, allievo di Ghittoni; con questa iniziativa la Banca prosegue nell’opera di valorizzazione degli artisti piacentini che meritano di essere valorizzati”), dalla curatrice della mostra Valeria Poli (“Siamo in presenza di un pittore fedele alle tradizioni dei suoi punti di riferimento, Ghittoni e Carpi, con aperture verso de Pisis, che aveva avuto legami con Piacenza attraverso la famiglia Pallastrelli”), da Laura Bonfanti – Vice Presidente della Galleria d’Arte Moderna Ricci Oddi – che ha ricordato le principali opere dell’artista, e da Carlo Ponzini, responsabile dell’allestimento e della grafica (“Definisco Bertucci il pittore delle geometrie, che utilizza i colori tipici della Pianura Padana. Nell’allestimento ho cercato di valorizzare il rapporto costruito dall’artista con il territorio; un legame forte, come quello che, con il territorio, ha la Banca”).

Il Klimt: nuova sezione del sito dedicata

,

Per far fronte alle numerose richieste che ogni giorno giungono in Galleria a seguito del ritrovamento avvenuto in data 10 dicembre 2019 è stata predisposta una sezione del nostro sito internet (http://riccioddi.it/ritratto-di-signora-di-gustav-klimt/) nella quale verranno inserite le informazioni ufficiali che possano aiutare a comprendere le vicende riferite al quadro di Gustav Klimt – Ritratto di signora (1916-1917), in merito alle notizie sull’opera acquistata da Giuseppe Ricci Oddi nel 1925, alla scoperta del doppio ritratto avvenuta nel 1996, al furto del 1997 e ancora alle indagini che proseguono da ormai più di 20 anni.

E’ interesse e volontà del CdA della Galleria Ricci Oddi, rispettare le necessità giudiziarie che chiedono il massimo riserbo sulle indagini in corso rivolte in questo momento sia alla effettiva verifica della autenticità dell’opera che tutti auspichiamo sia ai dovuti approfondimenti in merito al furto.

Aperture e chiusure nelle Festività Natalizie

La Galleria d’Arte Moderna Ricci Oddi:

  • rimarrà regolarmente aperta domenica 8 dicembre, Festività dell’Immacolata Concezione, nei consueti orari d’apertura (9.30-12.30; 15.00-18.00);
  • rimarrà CHIUSA da lunedì 23 dicembre a giovedì 26 dicembre compreso;
  • rimarrà CHIUSA da lunedì 30 dicembre a mercoledì 1 gennaio compreso;
  • rimarrà eccezionalmente aperta lunedì 6 gennaio, Festività dell’Epifania, nei consueti orari d’apertura (9.30-12.30; 15.00-18.00).

Il Presidente, il CdA e lo staff della Galleria augurano a tutti buone feste.

Confindustria Giovani sceglie la Ricci Oddi per la cena di fine anno

Come di consueto, Confindustria Piacenza Giovani ha scelto le suggestive sale della Galleria d’Arte Moderna Ricci Oddi come location per la prestigiosa cena di fine anno.

Presente alla serata anche il Sindaco di Piacenza, Patrizia Barbieri.

La Confraternita dei Grass regala un restauro alla Ricci Oddi

,

Per i suoi 20 anni la Confraternita dei GRASS (sodalizio di amanti della buona tavola) ha donato il restauro di un dipinto alla Galleria d’Arte Moderna Ricci Oddi: si tratta de “La Servetta” di Antonio Mancini.

Cosi facendo hanno lasciato un segno tangibile del loro ventennale a tutta la comunità.

Era infatti il 1999 quando nasceva il sito internet di recensioni dei ristoranti del Piacentino curato dalla Confraternita dei Grass, che dal 2013 pubblica anche una guida cartacea.

In foto: il restauratore incaricato dalla Galleria d’Arte Moderna Ricci Oddi, Giuseppe De Paolis, spiega i tecnicismi del suo intervento sull’opera al gruppo.